giovedì 23 aprile 2009

Fotostory

Presentazione
Giro d' Europa a nuoto
per un Mondo senza Barriere e senza Frontiere





















Roberto Valori, responsabile del dipartimento 2
del Comitato Italiano Paralimpico







Francesco Cognetti Responsabile del
Dipartimento di Oncologia dell’Istituto
Nazionale Tumori Regina Elena di Roma




Jacopo Volpi, Conduttore della Domenica Sportiva





Giovanni Malagò, Presidente del CC ANIENE











Luciana Marcellini, la più giovane nuotatrice che partecipò alle Olimpiadi di Roma del 1960,
e Massimo Fabbricini, Socio Onorario del
CC ANIENE




Gruppo Sommozzatori del Comando
Generale dei Carabinieri
















Andrea Ronchi, Ministro delle
Politiche Comunitarie








Emanuela Audisio, la Repubblica








Elisabetta Caporali, Testata Giornalistica
Sportiva della RAI








































Ferruccio Fazio, Sottosegretario al Welfare




















prof. Emmanuele Emanuele, Presesidente
della Fondazione Roma, Sostenitore del
Giro d' Europa a nuoto




Stefano Giovannini, Amministratore Delegato della Italbrokers, Sostenitore
del Giro d' Europa a nuoto

mercoledì 22 aprile 2009

Rassegna stampa

http://www.torresette.it/legginews.asp?idnotizia=5633




LA STORIA La sfida di Cimmino per un mondo senza barriere

ROMA - A quali forze misteriose faccia ap­pello durante le sue traversate, è impossi­bile saperlo. Così come è difficile immedesi­marsi in un uomo dal sorriso di plastica e i capelli corti, che su una gamba sola, se lo volesse, potrebbe sor­reggere il mondo. Sal­vatore Cimmino, 45 anni, senza la gamba destra dall'età di 14, ha deciso di compiere un'altra sfida. Una del­le sue, di quel­le che lasciano tutti con il fiato sospeso: dal 3 maggio, infatti, girerà l'Europa a nuo­to.«Ci provo convinto anche stavolta » , dice senza scomporsi più di tanto. Anche perché Cimmino non è nuovo a queste trovate. Nel 2006 fece la sua prima traversata; 22 chilo­metri, da Capri a Sor­rento, che sono tanti anche tra due spicchi di paradiso. Nel 2007, invece, il Giro d'Italia in dieci tappe. « Mi sto allenando con costan­za e voglia - ammette ­; perché faccio tutto questo? Per un mondo senza barriere » . Nes­suno slogan da movi­mento pacifista o robe del genere. No: l'afori­sma di Salvatore, so­stenuto dal Circolo Ca­nottieri Aniene e dalla Fondazione Roma Ter­zo Settore, è qualcosa di più. «Il mio obiettivo è la modifica del docu­mento del 1992 per for­nire le protesi ai disa­bili. La legge non tiene conto dell'innovazione tecnologica ci obbliga ad utilizzare vecchie protesi, o pagare la dif­ferenza per avere quel­le tecnologicamente più avanzate » . Così, per sen­sibiliz-zare l'opinio­ne pub­blica, ha deciso di parti­re dalla Sicilia e lambire le coste del vecchio continente.« Le difficoltà ci saran­no, ma non ho paura » . Sei tappe: Stretto di Messina e di Gibilter­ra; da Capri a Napoli; il Canale della Manica, il tratto Copenaghen­Malmoe per arrivare, il 26 settembre, a Pun­ta Salvore ( Trieste).« Anni fa ho lottato tra lo sconforto e la voglia di reagire. Oggi mi sen­to più forte, pronto a lanciare un messaggio di speranza a chi sof­fre » . Nuotando, anche se a molti sembra im­possibile.

Giorgio Burreddu/ infopress
22 aprile 2009























Presentazione Giro d' Europa a nuoto

Per un Mondo senza Barriere e senza Frontiere














Roma, 21 aprile 2009

Carissimi Compagni di Viaggio,

grazie per la vostra presenza.
Sono qui, oggi, per presentare un’iniziativa alla quale tengo molto e che, finalmente, grazie all’aiuto di tanti che insieme a me hanno voluto condividerne l’organizzazione, il 3 maggio vedrà il suo inizio.
Nel mondo dello sport, ormai da diversi anni, ho trovato accoglienza, solidarietà e ascolto. Ed è a partire da questo mondo, attraverso i suoi valori, che è nato un progetto che mi ha consentito, e ancora mi consente, di condividere tematiche che per me, disabile, sono particolarmente ed ovviamente sentite.
Parlo di condivisione perché ritengo che soltanto con la partecipazione di tutta la società civile sia possibile un percorso di totale integrazione della persona con disabilità. Tutte le donne e tutti gli uomini che, come me, dalla nascita o per un evento successivo, si ritrovano segnati da una difficoltà fisica o psichica vivono in una sorta di attesa di una liberazione dalla gabbia che li imprigiona menomando le loro esistenze. Per questo io credo che sia necessario intervenire essenzialmente nel campo degli stimoli e delle sollecitazioni: quando la disabilità non è eliminabile, è però sempre possibile liberare le potenzialità che non sono state cancellate.
Avevo quattordici anni quando, a seguito di una operazione dovuta ad un osteosarcoma, mi sono ritrovato a dover vivere con un arto amputato. È ovvio che da quel momento la mia vita sia cambiata. Oggi posso lucidamente capire che in allora mi si aprivano davanti due strade, entrambe percorribili: la strada della rassegnazione, della chiusura in me stesso, del distacco dalla vita reale oppure quella della reazione, della ricerca del riscatto, dell’adesione a valori diversi. Non fu facile, ho vissuto momenti duri in cui oscillavo tra l’una e l’altra possibilità. All’esterno trovavo più frequentemente compassione che comprensione, più protezione che sollecitazione. Crescendo però, seppur con fatica, sono riuscito a far sì che gli altri, insieme a me, imparassero a vivere questa disabilità con spirito costruttivo, attribuendo un valore positivo alla diversità, a tutte le diversità, traendo dalla condivisione delle difficoltà un insegnamento più generale.
Oggi sono più forte, e questa forza voglio metterla al servizio di chi ancora non ce la fa, di chi stenta a sopportare la fatica di una vita segnata dai disagi e povera di relazioni emotive, di chi soccombe agli egoismi individuali e non trova il coraggio di rivendicare dignità e amore.
In modo particolare, vista la mia specifica disabilità, mi batto per un obiettivo preciso: la modifica del Nomenclatore tariffario delle protesi e degli ausili. Questo documento risale al 1992: nel corso di questi anni la ricerca scientifica, però, ha fatto passi da gigante. È evidente, dunque, che si tratti ormai di uno strumento datato ed obsoleto, che non tiene conto dell’innovazione tecnologica obbligando i disabili ad utilizzare i vecchi presidi rimborsati dal Servizio Sanitario Nazionale o a farsi carico della differenza di costo con quelli tecnologicamente più avanzati disponibili sul mercato. In altri casi, inoltre, non contempla la possibilità di rimborso per protesi ed ausili che, invece, in altri paesi europei vengono regolarmente forniti tramite i rispettivi Servizi Sanitari Nazionali. Il progresso tecnologico oggi è in grado di offrire un evidente beneficio ai quattro milioni di disabili italiani, come peraltro rilevato da uno studio dell’Università Bocconi di Milano del 2004, secondo il quale, a parità di costo, le protesi di ultima generazione sono in grado di offrire una evidente miglioramento della qualità della vita.
Finché il Servizio Sanitario Nazionale continuerà ad essere poco previdente, preferendo percorrere la via del risparmio, prevedendo budget di spesa incongruenti con la realtà, i disabili italiani dovranno pagare sulla propria pelle il prezzo di scelte che privilegiano il risparmio immediato ed apparente rispetto ad un investimento che, seppur nell’immediato più alto, permetterebbe poi minori costi sociali e sanitari negli anni successivi.
Sono convinto che l’integrazione delle persone disabili abbia fatto progressi, che anche culturalmente tanti obiettivi siano stati raggiunti ed è proprio per questo, perché tutto il lavoro svolto in questi anni non si perda nel mare degli egoismi e dell’individualismo, sono qui, oggi, a presentare una iniziativa che, spero, possa servire in qualche modo a dare voce alle nostre esigenze, alla nostra voglia di esserci e di partecipare appieno, attivamente e anche con divertimento, alla vita di questo nostro paese.
Il 3 maggio, dunque, avrà inizio il mio particolarissimo “sciopero del nuoto”: si tratta del “Giro d’Europa a nuoto, per un mondo senza barriere e senza frontiere”. Nel corso di cinque mesi, toccando le coste d’Europa, cercherò di portare a conoscenza di quante più persone possibili il problema della fornitura delle protesi e, più in generale, i temi della disabilità e dell’integrazione.
Non è stato facile organizzare e realizzare questo progetto che non avrebbe mai visto la luce senza l’apporto, determinante e decisivo, del Circolo Canottieri Aniene, della Fondazione Roma e derll’ Italbrokers. Per questo oggi ringrazio il Presidente Malaga, il Presidente Emanuele e Stefano Giovannini, la fiducia che hanno voluto accordarmi mi riempie di orgoglio e di forza.
Grazie

Salvatore Cimmino

lunedì 20 aprile 2009

CONFERENZA STAMPA

Martedì 21 aprile 2009, nella sede del

CIRCOLO CANOTTIERI ANIENE

ci sarà la presentazione del

GIRO d' EUROPA a NUOTO

per un MONDO senza BARRIERE e senza FRONTIERE



















Grazie di cuore
Salvatore Cimmino